Nichte der EU Kommissarin: Federica Mongherini verhaftet, welche einen VIP Kokain Vertrieb in Rom betrieb

Da kommt wieder Freude auf, wenn die Italiener selbst die Prominenten Drogen Kartelle betreiben, wo sich der Italienische Botschafter ebenso merkwürdig benommen hatte.

Berlusconi, flutete schon Europa, mit seinen Mafia Ministern und kriminellen Partnern der Cosa Nostra, Nghradeta auch Albanien.

Albanische Mafiosi immer dabei auch in Rom. Deshalb werden die illegalen Mafia Bauten, Lokale an der Küste nicht abgerissen, weil man die Treffpunkte benötigt: siehe illegale Bauten, Geldwäsche, Edi Rama’s Mafia Polizei: Dalleadyshe BICI – Polizei Direktor: Ervin Hasrama

Kritische Worte, gibt es ebenso gegen die unter Italienischer Leitung stehende EU Polizei Mission PAMECA IV, welche schweigt, wenn Polizei Direktoren an Kriminelle verkauft werden. 400 % Drogen Export nach Italien, schnell wachsende Cannabis Felder in Italien ebenso.

EU Polizei Mission PAMECA II – IV, Rückblick über ein EU und US Desaster

15 Verhaftungen, darunter die Nichte „Gaia“der EU Aussenministerin: Federica Mongherini, deren Politischer Werdegang, ein Sponsering, von Mafia Familien war, wo seit vielen Jahren immer wieder wichtige Politiker, Minister verhaftet werden.

Live erwischt, als Mitglied im VIP – Kokain Versorgungs Kartell in Rom, was es seit Jahrzehnten gibt, mit wechselten zentralen Namen. Das Lokal Jackieo

Die Nichte Gaia Mogherin (verhaftet, sitzt in Haft), ist mit Roberto Nicoletti liiert, der Mitglied in der Super Mafia Bande des Manuel Zumpano: Sohn des Francesco und Domenico Zumpano (die legendäre Bande: „Magliana)ist. Man kontrolliert Rom, seit 80 Jahren. Der Albaner Drogen Boss: «Richie» Durici, wurde ebenso live verhaftet.

Guarda la versione ingrandita di Roma, cocaina al Jackie 'O: tra gli arresti torna la Banda della Magliana

Die Inhaber den prominenten VIP Lokales im Zentrum von Rom wurden ebenso verhaftet: Valentina Errante e Michela Allegri sul Messaggero,

Eine Kokain Vertriebstätte. Durch den bekannten Film Jackie O’, – Dolce Vita: Spiegel Artikel aus 1960

Das süße Leben (Originaltitel: La dolce vita) ist ein Schwarzweißfilm von Federico Fellini aus dem Jahr 1960. In den Hauptrollen sind Marcello Mastroianni, Anouk Aimée, Yvonne Furneaux, Anita Ekberg und Alain Cuny zu sehen. Weltberühmt wurde die Szene mit Ekberg im Trevi-Brunnen.

Im Film geht es um das Leben der „Hautevolee“ im Rom der fünfziger Jahre. Das rauschhafte Leben zwischen Straßenflirt und allabendlichen Partys wird gestört durch die dadurch nicht weniger werdenden existenziellen Fragen des Lebens.

l

Cocaina ai vip nel Jackie ‘O e in due ristoranti in centro: 15 arresti

Triangolo della Dolce Vita al setaccio: coinvolto il figlio di un ex boss della banda della Magliana. Giro d’affari da 100 mila euro a settimana

Giro di coca nella „Roma bene“: arrestata Gaia, la nipote dell’Alta rappresentante Ue Federica Mogherini

La giovane di 26 anni è agli arresti domiciliari. Nella banda (in manette 15 persone) c’era anche il figlio di Zumpano della banda della Magliana

Giro di coca nella 'Roma bene': arrestata Gaia, la nipote dell'Alta rappresentante Ue Federica Mogherini
Redazione Tiscali

La nipote di Federica Mogherini, Alta rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza ed ex ministra degli Esteri del governo Renzi, è stata arrestata nell’ambito di un’inchiesta per traffico di droga. Quindici persone arrestate lunedì mattina dai carabinieri di Roma, chiamati a stroncare un giro di cocaina che partiva dall’esterno di una discoteca.

Gaia, figli di un fratellastro

Gaia Mogherini, 26 anni, è figlia di un fratellastro della ministra, ora agli arresti domiciliari. La donna è stata „incastrata“ da alcune intercettazioi allegate agli atti delle ordinanze di custodia cautelare, riportati dal Tempo. „Gaia, me servono ’na decina de chili di cozze pe Andrea che è rimasto senza“, dice un uomo al telefono. E lei: „Va bene amore“. Secondo i carabinieri, le „cozze“, sono le dosi di cocaina, che Gaia deve procurarsi.

Con Mogherini nipote sono stati arrestati anche il fidanzato di lei, Roberto Nicoletti, Manuel Zumpano (figlio di Francesco Zumpano della banda della Magliana) e la compagna di quest’ultimo, Deborah De Domincis. Un giro di cocaina che ha investito gli ambienti della Roma bene e portata avanti da un’organizzazione di cui fanno parte personaggi legati alla malavita organizzata. Gaia Mogherini è finita ai domiciliari perché, spiegano gli inquirenti, è „perfettamente coinvolta nei traffici illeciti del suo compagno Nicoletti“.

http://notizie.tiscali.it/cronaca/articoli/droga-nipote-mogherini/

Un autore tv e giovani manager nell’inchiesta coca ai vip
Nell’ordinanza nomi eccellenti tra i clienti dei pusher: droga consegnata nei night e nei ristoranti. Fra i locali scelti dagli spacciatori per vendere le dosi alcuni fra i più noti dei Parioli e del centro storico. La droga ceduta anche a Monteverde e San Giovanni

di Giulio De Santis e Rinaldo Frignani

L’ingresso del Jackie O’ in via Boncompagni (foto Proto) L’ingresso del Jackie O’ in via Boncompagni (foto Proto)
shadow

Rampolli di famiglie nobili, ma anche figli di importanti imprenditori. Una dottoressa assunta in una clinica privata, un giornalista e autore di programmi tv, un manager pugliese finito anni fa sotto scorta. Sono solo alcuni dei clienti vip del gruppo di spacciatori che faceva capo, secondo i carabinieri, a Manuel Zumpano, figlio e nipote di Francesco e Domenico Zumpano, ex della banda della Magliana, e all’albanese Rigers «Richie» Durici. Nella sua ordinanza di 214 pagine il gip Massimo Di Lauro ha ripercorso non solo i 73 episodi contestati ai quindici arrestati dell’operazione «Record», ma ha anche individuato i luoghi scelti dagli indagati per incontrarsi e vendere dosi di cocaina, soprattutto, ai clienti. C’è il Jackie O’ di via Boncompagni – anche ieri i responsabili dello storico locale hanno ribadito di essere completamente estranei ai fatti, come è stato d’altra parte confermato da chi indaga -, ma ci sono anche ristoranti dei Parioli come il Duke, il Caminetto e lo Chez Coco, che compaiono nelle indagini dei carabinieri del Nucleo di polizia giudiziaria presso il tribunale…..

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/16_ottobre_13/autore-tv-giovani-manager-nell-inchiesta-coca-vip-05732e0c-90b1-11e6-824f-a5f77719a1a0.shtml

Kapet shqiptari që i shiste marijuanë mbesës së Federica Mogherini

Pinjollë të familjeve të famshme, por edhe të biznesmenëve të njohur. Një doktoreshë e punësuar në një klinikë private, një gazetare dhe autore e programeve në TV, një manazher puliez. Ishin këta disa nga klientët VIP …
Kapet shqiptari që i shiste marijuanë mbesës së Federica Mogherini
Ina-Online – para 7 ore
Pinjollë të familjeve të famshme, por edhe të biznesmenëve të njohur. Një doktoreshë e punësuar në një klinikë private, një gazetare dhe autore e programeve në TV, një manazher puliez. Ishin këta disa nga klientët VIP …
Mbesa e Mogherinit i referohej drogës me emrin ‘midhje’
Lajminet – para 8 ore
Italini Manuel Zumpano, djali i një emri të njohur të botës së krimit në Romë në vitet 80 dhe shqiptari Rigers Durici, i njohur si “Rike”, drejtonin organizatën që furnizonte me kokainë edhe VIP-a në Romë, shkruan …
Superfitimet – Banda shqiptare-italiane furnizonte me kokainë mbesën e Mogherinit
Koha Jone – para 8 ore
Të paktën 15 persona përfunduan në prangat e policisë gjatë një operacioni antidrogë në Veneto të Romës, ku midis të arrestuarve janë edhe shqiptarë. Ata merreshin me shpërndarjen e lëndëve narkotike, kryesisht kokainës …
Banda shqiptare-italiane furnizonte me kokainë mbesën e Mogherinit
OraNews – para 8 ore
Të paktën 15 persona përfunduan në prangat e policisë gjatë një operacioni antidrogë në Veneto të Romës, ku midis të arrestuarve janë edhe shqiptarë. Ata merreshin me shpërndarjen e lëndëve narkotike, kryesisht kokainës …
Zbulohet roli i mbesës së Mogherinit në organizatën e drogës të drejtuar nga shqiptari
Sot.Al – para 8 ore
Zbulohet roli i mbesës së Mogherinit në organizatën e drogës të drejtuar nga shqiptari Mbesa e Federica Mogherinit, 26-vjeçarja Gaia Mogherini është ndër 15 personat e arrestuar mëngjesin e së hënës nga policia e Romës …
Itali: Arrestohet Gaia Mogherini, mbesa e Frederica Mogherinit
Portali Online – para 9 ore
Mbesa e Përfaqësues së Lartë për Politikën e Jashtme në Bashkimin Evropian dhe zv.Presidentja e KE-së, Federica Mongherini është mes 15 të arrestuarve të një grupi shqiptar të trafikut të kokainës në restorantet VIP të …
Kapet shqiptari që i shiste marijuanë mbesës së Federica Mogherini
Mapo – para 9 ore
Pinjollë të familjeve të famshme, por edhe të biznesmenëve të njohur. Një doktoreshë e punësuar në një klinikë private, një gazetare dhe autore e programeve në TV, një manazher puliez. Ishin këta disa nga klientët VIP …

2 Gedanken zu „Nichte der EU Kommissarin: Federica Mongherini verhaftet, welche einen VIP Kokain Vertrieb in Rom betrieb“

  1. Modena, Haupt Umschlagsplatz der Türkischen – Albanischen Drogen Netze, u.a. über Kosovo Buss Unternehmen, welche auf Autobahn Raststätten, bestückt werden!
    Die inzwischen verurteilt Ndragheta Familie: um „Bianchini“ bezahlte 2011, 18 Millionen € an Bestechungsgeld für einen Autobahn Bau einer Ring Strasse um Tirana, eines der EU finanzierten Mafia Projekte der EIB, EBRD Bank und korrupter Banden der EU Commission. Albanischer Text
    Tirana - Nghradeta
    Transport Minister Sokol Olldashi, Aushängeschild wie Minister Ridvan Bode, der verhafteten Dash Gjoka Mafia aus Shiak.

    Die Mafia installierte EU Kommissarin Frederica Mongherini, erlebte damals eine Politischen Karriere Ausschwung, im Schlepptau ganzer Rudel krimineller Clans, EU Betrügern, welche im Schlepptau von Berlusconi, Energie Parks, Windräder, Abfall Müll Geschäfte machen wollten, bis zur Milliarden € Höhe.
    Nichte der EU Kommissarin: Federica Mongherini verhaftet, welche einen VIP Kokain Vertrieb in Rom betrieb

    La ’Ndrangheta e gli affari col Governo

    Mafia, sequestro 20 milioni a società: “Sapeva con chi faceva affari. Nella contabilità report su ‘ndrangheta Emilia”

    Mafia, sequestro 20 milioni a società: “Sapeva con chi faceva affari. Nella contabilità report su ‘ndrangheta Emilia”
    Emilia Romagna
    I carabinieri di Modena hanno sequestrato la società ‚Dueaenne S.a.s‘ di San Felice sul Panaro, riconducibile alla moglie del costruttore Bianchini. Entrambi erano stati arrestati a fine gennaio nell’ambito dell’inchiesta Aemilia. Un ex dipendente avrebbe spiegato come i due fossero pari grado nell’azienda. Non solo, nei documenti amministrativi è stata ritrovata una relazione del prefetto di Reggio Emilia sulle infiltrazioni mafiose in Regione
    La Bianchini Costruzioni sapeva che gli uomini con cui aveva a che fare erano considerati vicini alle cosche. A dirlo una relazione del prefetto che sarebbe stata trovata dagli inquirenti tra i documenti dell’azienda. C’è anche questo nelle carte del sequestro di beni, per un valore stimato di 20 milioni di euro, eseguito dai carabinieri di Modena…http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/22/mafia-sequestro-20-milioni-societa-sapeva-con-chi-faceva-affari-nella-contabilita-report-su-ndrangheta-emilia/1898495/

    Beni confiscati, quando lo Stato si riprende le proprie aziende. La storia della Bianchini Costruzioni

    119943398
    La sede della Bianchini Costruzioni a San Felice Sul Panaro nella Bassa Modenese

    Foto Gazzetta di Modena


    di ANDREA PERINI

    Era il 29 maggio 2012 quando, per la seconda volta in dieci giorni, la Bassa modenese tremava, scossa dal terremoto più forte che la popolazione emiliana ricordi. Capannoni industriali rasi al suolo, edifici storici piegati e crollati sotto il loro stesso peso, scuole e teatri gravemente danneggiati e centinaia di famiglie rimaste senza una casa. In questa situazione, tra chi si disperava e chi cercava di gestire l’emergenza, c’era anche chi si divertiva. C’era chi telefonava al socio in affari. Era felice, scherzava e si sfregava le mani per i futuri lavori che avrebbe potuto chiudere. I due soci al telefono erano uomini legati alle cosche cutresi, ‘ndranghetisti. Uomini fedeli al proprio clan che nel corso degli anni, durante la crisi economica, avevano scalato le aziende in difficoltà fino a controllarne ogni loro mossa.

    LEGGI ANCHE: “Riprendiamoli”, la sfida per i beni confiscati alla mafia

    Come è successo anche alla storica impresa Bianchini Costruzioni di San Felice sul Panaro, nata più di quarant’anni fa e stretta tra le grinfie di Michele Bolognino, reggiano e oggi considerato dagli inquirenti uno degli organizzatori delle cosche cutresi, quella dei Grandi Aracri. L’azienda, dopo essere caduta all’interno del vortice dell’inchiesta “Aemilia”, l’indagine che ha portato alla luce le attività dei clan in Emilia e il modus operandi utilizzato per insinuarsi nei cantieri della ricostruzione, è rinata nella piena legalità sotto la guida dell’avvocato Rosario Di Legami, ufficiale giudiziario nominato per non far morire una realtà che fino a dieci giorni prima dello scandalo era in lizza per lavorare a Expo Milano 2015.

    LEGGI ANCHE: Beni confiscati, Giovanni Tizian: “La mafia al nord è un modello economico che piace”

    Foto Gazzetta di Modena, Michele Bolognino

    Foto Gazzetta di Modena, Michele Bolognino

    Facili speculazioni e fiuto per gli affari. La forza delle cosche cutresi si basava sulla crisi economica di molte realtà edili dell’alta Emilia. Aziende fino a quel momento “pulite” pian piano, oppresse dai debiti, si sono affidate alla criminalità organizzata che metteva a disposizione mano d’opera a basso costo e liquidi. Il tutto a una condizione: le decisioni erano prese dall’esterno non più dai proprietari delle aziende. Una realtà che con Michele Bolognino ha conosciuto anche la Bianchini Costruzioni. La sua influenza e il fiuto per la facile speculazione lo hanno portato a controllare ogni mossa della Bianchini ben prima del terremoto ma è proprio in quell’occasione, durante la ricostruzione, che anche gli inquirenti hanno iniziato a seguire la ditta di Augusto Bianchini, fino a quel momento mai entrata al centro di inchieste legate alla mafia. Con la ricostruzione post terremoto la ‘ndrangheta si è servita della famiglia Bianchini e della compiacenza di Giulio Gerrini, ex capo ufficio tecnico del Comune di Finale Emilia, nei confronti della ditta per entrare nei cantieri. La diga della “white list”, strumento creato dalla Prefettura per controllate le imprese e assicurarsi che non avessero legami, reali o sospetti, con realtà mafiose locali, ha scoperchiato un meccanismo diventato consuetudine per la Bianchini Costruzioni.
    L’inizio: Bolognino in quel cantiere. Tutto parte dalle indagini dei carabinieri di Fiorenzuola e di Modena che nel 2010, quindi due anni prima che il terremoto devastasse la Bassa modenese, cercano di capire il giro d’affari di Michele Bolognino. La Bianchini Costruzioni entra nell’inchiesta “Aemilia” quando il 3 settembre 2012 i carabinieri trovano lo stesso Bolognino nel cantiere delle nuove scuole ­di Finale Emilia. In quel momento la ditta ha già gravi problemi economici. Lui non è un operaio dell’impresa e questo rende la sua presenza sospetta. Tanto più perché già condannato per associazione mafiosa. La Bianchini così, oltre ai problemi finanziari, alle indagini per il ritrovamento di amianto nei cantieri della stessa scuola di Finale Emilia, di Reggiolo e di Concordia e alla montagna di eternit nel suolo della propria azienda (che fanno pensare agli inquirenti che l’azienda invece di smaltire il materiale lo triturasse e lo mescolasse al cemento) entra di fatto parallelamente anche nel filone d’inchiesta legato alla presenza delle cosche nelle aziende emiliane.

    Foto Gazzetta di Modena, i Banchini. Da sinistra Bruna Braga, Alessandro, Nicola, Alessandra e Augusto

    Foto Gazzetta di Modena, i Bianchini. Da sinistra Bruna Braga, Alessandro, Nicola, Alessandra e Augusto

    Questo però non impedisce ad Augusto Bianchini e alle sue squadre di operai di lavorare nella ricostruzione perché la domanda di iscrizione alla “white list” viene rigettata dalla Prefettura dopo gli accertamenti del Girer (il gruppo interforze creato per vigilare sulle possibili aziende legate alla malavita organizzata) il 18 settembre del 2013. Le ditte infatti posso iniziare a lavorare già con la sola presentazione della domanda di iscrizione alla “white list”. Solo dopo, in caso di problemi, vengono estromesse e i lavori vengono fermati.

    L’escamotage per evitare di perdere i lavori della Bianchini è presto trovato: la ditta, che è subappaltatrice e non vincitrice delle gare per i cantieri della ricostruzione, cede i propri macchinari a Alessandro Bianchini, figlio di Augusto. Lui vanta un credito con la ditta del padre di circa 35.000 euro, ovvero il Tfr. Al posto dei contanti quindi ottiene alcuni macchinari e, evitando di inserire nell’organigramma societario il padre, apre una nuova impresa nel novembre del 2013: la Ios. Alessandro invia la richiesta dell’iscrizione alla “white list” e inizia a lavorare nei cantieri dove prima c’era la Bianchini Costruzione. Passa poco più di un anno e nell’autunno del 2014 anche la Ios viene esclusa dalle ditte “pulite” dalla Prefettura. In quel momento nessuno lo sa ma anche Alessandro è al centro del filone di inchiesta che coinvolge anche la madre e il padre.

    La storia della Bianchini costruzioni raccontata da Giovanni Tizian, il giornalista dell’Espresso minacciato dalla ’ndrangheta, la stessa che ha ucciso nel 1989 il padre in Calabria

    Cede la struttura mafiosa. Il castello messo in piedi dalle cosche cade definitivamente il 28 gennaio 2015. Il blitz notturno organizzato dalle forze dell’ordine porta a 117 arresti. Dei 224 indagati ben 54 sono quelli accusati di associazione di stampo mafioso. A questi si aggiungo otto accusati di associazione esterna. Tra questi spiccano appunto i modenesi Augusto Bianchini e la moglie Bruna Braga, dirigente della Bianchini e titolare della ditta . Oggi sono 147 gli imputati che sono a processo per l’inchiesta “Aemilia”. Appena due sono stati i “non luoghi a procedere” emessi a cui vanno sommati i 71 riti abbreviati richiesti (praticamente tutti i boss della ’ndrangheta, a partire da Nicolino Grande Aracri, non imputato per associazione di stampo mafioso) e i 19 patteggiamenti. I sequestri legati alle ditte della famiglia Bianchini superano i 50 milioni di euro tra macchinari, terreni e immobili.
    http://ifg.uniurb.it/beni-confiscati-quando-lo-stato-si-riprende-le-proprie-aziende-la-storia-della-bianchini-costruzioni/

  2. EU-Kommissar: peinlicher Volldepp der CDU in Aktion, man kann es nicht mehr glauben! Was hat der Depp über die Chinesen zu lästern, sowas kann es doch nicht geben. China ist in vielen Bereichen Vorbild, was im Gesundheitswesen, den Finanzen anfängt

     

    EU-Kommissar Oettinger macht sich über Chinesen und „Pflicht-Homoehe“ lustig – Video

    © AFP 2016/ Eric Piermont Politik 13:53 29.10.2016(aktualisiert 13:54 29.10.2016) Zum Kurzlink 232355469 Im Internet ist ein Video aufgetaucht, auf dem der deutsche EU-Kommissar Günther Oettinger sich über Chinesen und Homosexuelle lustig macht. Viele User können über solche Witze aber nicht lachen. Oettinger soll am Mittwoch in Hamburg vor rund 200 geladenen Gästen des „Europa Abends“ des AGA Unternehmerverbands eine Rede gehalten haben. Er sprach Medienberichten zufolge über Europa, Digitalisierung sowie Gefahren wie Nationalismus und Populismus. Verleger Sebastian Marquardt kam plötzlich auf die Idee, den Rest seiner Rede aufzunehmen. Zwei Tage später wurde das Video bei YouTube veröffentlicht. Im Video ist zum Beispiel zu hören, wie Oettinger vom Besuch einer chinesischen Delegation erzählt: „Neun Männer, eine Partei, keine Demokratie. Keine Frauenquote, keine Frau – folgerichtig. Alle: Anzug, Einreiher dunkelblau, alle Haare von links nach rechts mit schwarzer Schuhcreme gekämmt.“ In einem dreiminütigen Video beschwert sich der EU-Kommissar über die deutsche Bürokratie, kritisiert gleichzeitig CSU-Chef Horst Seehofer als „Populist light“ und erzählt von einer „Pflicht-Homoehe“. Während viele Zuschauer im Saal über seine Aussagen lachten, gab es auch welche, die Oettinger Rassismus vorwarfen.

    Mehr: https://de.sputniknews.com/politik/20161029313158879-eu-kommissar-oettinger-chinesen-pflicht-homoehe-video/

Schreibe einen Kommentar

oldest albanian website